Cambiare casella PEC
2 Novembre 2020 Casella PEC

Cambiare casella PEC

In questo articolo cerchiamo di capire assieme cosa significa cambiare casella PEC, che si differenzia dal cambio di gestore, che abbiamo trattato in uno specifico articolo “Cambiare il gestore di una casella PEC”

Sebbene la PEC si basi sul concetto della posta elettronica, presenta alcune differenze tecniche che pratiche.

Quindi il cambio della propria casella PEC con un’altra deve essere affrontato in modo differente rispetto ad una normale casella email.

Aspetto economico

Innanzitutto ad oggi le caselle PEC richiedono un pagamento annuo al proprio gestore per poterla utilizzare. Quindi, se decidiamo di cambiare casella è meglio verificare quando scade il canone di quella da dismettere, per evitare di pagare doppio per un lungo periodo.

Comunicazione ai registri nazionali

Quando cambiamo un indirizzo PEC, se è relativo ad una società oppure ad una impresa individuale che abbia l’obbligo del domicilio digitale, come descritto in questo articolo, è bene ricordarsi di comunicare ai registri nazionali il cambio di casella.

Fatturazione elettronica

Se utilizziamo al casella PEC anche per ricevere le fatture in formato elettronico, dobbiamo ricordarci di avvisare tutte le realtà che posso inviarci delle fatture, altrimenti verranno respinte quando la vecchia casella cesserà di esistere.

Passaggio dei dati

Questo punto è molto importante perché cambiare casella PEC significa perdere tutti i messaggi presenti sulla vecchia casella, se non si effettua la migrazione dei dati o la conservazione dei messaggi, come descritto nell’articolo “Cambiare il gestore di una casella PEC”.

PEC su proprio dominio

Nel momento in cui si decide di cambiare casella PEC, un consiglio è valutare di optare per una casella PEC non classica sul dominio del gestore, ma una casella che si basi su un proprio dominio, così da poter essere più liberi, come ben spiegato nell’articolo “Cambiare il gestore di una casella PEC”